Torna in tv Niccolò Ammaniti, come anticipato per la prima volta ospite di Propaganda Live, e intervistato da Zoro, alias Diego Bianchi, suo grande fan. Lo scrittore è riuscito negli anni ha ritagliarsi una folta schiera di lettori fedelissimi ottenendo il benestare dei critici e vedendosi aprire le porte del mercato internazionale grazie al grande successo dei suoi libri. Dopo aver assistito all’ultimo riadattamento cinematografico di uno dei suoi bestseller, può finalmente concentrarsi sulla promozione del suo nuovo piccolo capolavoro: La vita intima.

0 7r7mijao 1

Propaganda Live – Niccolò Ammaniti parla del nuovo libro

Chi è Niccolò Ammaniti

Ammaniti ha ottenuto negli anni un grande successo con i suoi libri, muovendo i primi passi nel lontano 1994 con Branchie, segnando il suo primo assaggio di successo. Sette anni dopo pubblica Io non ho paura, che lo porterà velocemente nell’Olimpo dei grandi scrittori contemporanei italiani. Ma la conferma definitiva del suo genio arriverà nel 2007, anno in cui si aggiudica il Premio Strega con il successo Come Dio Comanda, che viene riadattato in un grande film con Elio Germano e Fabio de Luigi. Nel 2015 arriva invece Anna, che si trasforma in una miniserie Sky nel 2021. Nel 2023 ritorna invece nelle librerie con La vita intima, tentando di bissare il successo delle uscite precedenti.

Propaganda Live intervista a Niccolò Ammaniti

Propaganda Live – Intervista a Niccolò Ammaniti

Le curiosità svelate a Propaganda

Niccolò Ammaniti è famoso per non amare le telecamere e la diretta, ma il suo nuovo racconto merita di essere promosso, e quindi eccolo a parlare con Diego Bianchi, che descrive il romanzo come divertente, a tal punto da farlo “Ridere da solo in metro”. La trama viene descritta da Ammaniti come un viaggio introspettivo nella mente di Maria Cristina Palma, eletta a suo tempo come la donna più bella del mondo, e che ora  è sposata con il presidente del Consiglio italiano. Ha anche un bambino, e tante aspettative degli elettori su di sé. Descritta come stupida perché bella, quando non arrivista. Ammaniti ci porta in un viaggio fatto di sessismo e aspettative disattese, dove troviamo la protagonista alle prese con un video ad opera di un ex fidanzato, contenente un vecchio filmato hot che la raffigura. La storia accompagna Maria Cristina lungo un’intera settimana a far fronte allo scandalo che l’aspetta, proponendo l’archetipo della first lady in una chiave inedita e sagace, rafforzata dalla scelta di ambientare il romanzo indietro nel tempo, prima dell’avvento dei social, perché a detta di Nicolò il web è ormai una presenza ingombrante nelle trame, e l’unico modo per bypassarlo è ambientare la storia in un momento in cui non sia mai esistito.

Tagged in:

La7