Bufera sulla telecronaca della finale dei Mondiali di nuoto 2023, nella specialità tuffi trampolino sincronizzato, che si è tenuta a Fukuoka, in Giappone, nelle scorse ore. A scatenare le ire del pubblico che si era collegato con la competizione sono stati i commenti sessisti e razzisti di Lorenzo Leonarduzzi e il commentatore tecnico Massimiliano Mazzucchi, entrambi al microfono come telecronisti Rai della gara.

I commenti sessisti di Lorenzo Leonarduzzi e Massimiliano Mazzucchi ai Mondiali di tuffi

“Questa si chiama Harper, è una suonatrice d’arpa. Come si suona l’arpa? La si…”. “La si tocca?”. “La si pizzica”. “Si la do”. “È questo il vantaggio, gli uomini devono studiare sette note, le donne sono soltanto tre”.Io sapevo che continuava. Si La Do. Sol Sol Fa”. Oppure: “Le olandesi sono grosse”. “Come la nostra Vittorioso”. “Eh”. “Eh grande eh”. “Ma tanto a letto sono tutte alte uguali”. Questi sono alcune delle frasi sessiste che il pubblico di Rai 2 ha sentito questo lunedì mattina, 17 luglio, dai microfoni dei telecronisti Lorenzo Leonarduzzi e Massimiliano Mazzucchia, mentre commentavano le performance delle atlete ai Mondiali di nuoto 2023, specialità trampolino sincronizzato, a Fukuoka, in Giappone (rivedibili su RaiPlay). Battute razziste di pessimo gusto, che sono proseguite anche con altre frasi, come: “Fuma bene, fuma sano, fuma pakistano” o rivolti ai tuffatori italiani Riccardo Giovannini e Eduard Cristian Timbretti “Liccardo, i cinesi direbbero Liccardo”. Tutte ciò che è stato deetto, è stato inoltre segnalato sui social e un utente ha perfino riportato la mail di denuncia mandata alla Rai.

La replica di Leonarduzzi: “Alcune di queste frasi non le ho proprio dette”

Lorenzo Leonarduzzi, contattato dal Corriere della Sera ha cercato di spiegare le sue parole:

Prendo le distanze da tutto quello che è stato captato da un microfono rimasto acceso per esigenze tecniche e lontano un metro e mezzo da me. Alcune di queste frasi che mi sono state attribuite non le ho proprio dette. Sono parole che non mi appartengono, lontane dal mio modo di essere e pronunciate fuori onda mentre chiacchieravo col collega. Sono già stato vittima un paio di anni fa di un incidente increscioso, a maggior ragione ora sto particolarmente attento a quello che dico. Non voglio che la mia professionalità venga macchiata da queste situazioni.

L’intervento disciplinare della Rai

La bufera intorno ai commenti sessisti dei due telecronisti dei Mondiali di nuoto non è piaciuta per nulla ai pianti alti della Rai: l’amministratore delegato Roberto Sergio ha annunciato l’avvio di una procedura di contestazione disciplinare nei confronti di Leonarduzzi e per il collaboratore tecnico Mazzucchi: “Un giornalista del servizio pubblico non può giustificarsi relegando ad una ‘battuta da bar’ quanto andato in onda”, aggiungendo di aver chiesto al direttore di Rai Sport Iacopo VolpiDi far rientrare la coppia dal Giappone affidando la cura delle telecronache dei tuffi a Nicola Sangiorgio”.