Alessandro Borghi ha la sindrome di Tourette. L’attore ha svelato di soffrire di questa malattia durante il podcast Bsmt, di Gianluca Gazzoli: nell’intervista, il protagonista di Supersex, ha raccontato di averlo scoperto da poco. A fare una prima diagnosi è stata la sua compagna, Irene Forti, con la quale a breve diventerà genitore per la prima volta: è stata lei, che di professione fa la psicologa, ad accorgersi che i tic di Borghi non era semplici tic, ma sintomo di qualcosa di più grave.  “Un giorno mi ha fatto una domanda a bruciapelo e mi ha chiesto da quanto tempo avevo questi tic. Le ho risposto a un paio di cose e mi fa: ‘Tu non hai tic, tu hai la Tourette. Ce l’hai motoria e non ce l’hai verbale”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The BSMT (@bsmt_basement)

Alessandro Borghi svela la sua malattia: “Ho la sindrome di Tourette”

Nel bel mezzo del podcast Bsmt, di Gianluca Gazzoli, Alessandro Borghi ha raccontati di aver scoperto di recente di avere la sindrome di Tourette. A diagnosticare la malattia dell’attore, in un primo momento, è stata Irene Forti, sua fidanzata e psicologa, che ha ritenuto ‘sospetti’ i tic del suo compagno. La sindrome, nel protagonista di Sulla mia pelle, non si manifesta verbalmente, ma in un modo meno conosciuto, causando movimenti involontari del corpo, come infatti spiega Borghi nell’intervista:

Il problema è questo: la Tourette famosa è quella delle parolacce, quella della gente che a un certo punto bestemmia, perché è la (forma) più aggressiva. C’è tutto un mondo che riguarda la parte motoria che sono dei tic soltanto. Il tic è il tuo modo di rispondere a quella roba lì. Si può guarire da un tic, dalla Tourette no perché è una cosa neurologica. È come uno starnuto: quando ti viene da starnutire, devi starnutire.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The BSMT (@bsmt_basement)

Come ha reagito Alessandro Borghi alla sua malattia

Nel podcast Borghi ha svelato anche come si sente nell’affrontare la sindrome di Tourette, una malattia per cui ancora non c’è cura:

È bellissimo sapere che non c’è una cura a una cosa che hai. Questa è una frase forte, ci sono persone che hanno cose brutte, però, quanto è brutto non avere una risposta rispetto ad averla brutta?

E poi ha spiegato come si manifestano i sintomi, che spesso compaiono ne periodi di forte stress, facendo anche una confessione intima:

La Tourette in me corrisponde a dei picchi emotivi: mi può venire quando sono molto felice, molto stanco o stressato (…). Ce l’ho moltissimo quando sono in situazioni che mi mettono a disagio. Spesso mi viene quando ho a che fare con il mio corpo. Molte cose di me non mi piacciono perché sono uno che geneticamente non è portato ad avere il fisico (…). Quando mi guardo allo specchio e sento di non essere a mio agio con il mio corpo ho dei picchi di Tourette incredibili.