Giovanni Allevi non sta ancora bene ma prosegue con grande spirito battagliero la lotta contro un mieloma multiplo, rara forma tumorale che colpisce alcune cellule del midollo osseo. Impegnato da tempo a combattere con la malattia, il pianista e compositore ascolano non smette di aggiornare – con cadenza periodica – i suoi fan e gli appassionati attraverso i canali social.

La malattia di Giovanni Allevi

Con la solita energia e la carica che lascia trapelare in continuazione, Allevi, classe 1969, ha annunciato per la prima volta la malattia lo scorso 18 giugno e si è dedicato anima e corpo in una delle sfide più dure, a tal punto complessa da non consetirgli di portare avanti i suoi impegni musicali. A rendere ancor più doloroso e difficile il periodo, anche la notizia della morte della sorella Maria Stella, trovata senza vita ad Ascoli Piceno all’interno della sua abitazione.

Il videomessaggio di Giovanni Allevi su Instagram

Ha scelto il giorno di San Valentino, Allevi, per rendicontare i fan circa le sue condizioni e lo ha fatto con un videomessaggio toccante, commovente, privo di filtri: ci ha abituati così, Allevi, a non mentire, essere sempre se stesso.

Per quanto lasci molto spesso che la positività prenda e conservi il sopravvento su ogni elemento negativo, stavolta il contenuto delle parole di Allevi è straziante perché non nasconde il dolore, non nasconde le difficoltà sebbene decida di affrontarle con grande dignità:

“Come sto? In tanti me lo chiedete. Non bene, è forse il periodo più difficile della mia vita. Ma le terapie stanno facendo il loro lavoro. Grazie a tutti per le manifestazioni di affetto”.

Cos’è il mieloma e quali conseguenze

Come detto, si tratta di una forma tumorale che colpisce alcune cellule del midollo osseo. La malattia, nelle fasi più avanzate, determina la proliferazione delle cellule tumorali e ostacola quella delle altre cellule del sangue (globuli bianchi, globuli rossi e piastrine): ciò porta a un inevitabile indebolimento delle difese immunitarie, causa anemia o difetti nella capacità di fermare emorragie.

Allevi e la lotta al mieloma

La lotta contro il mieloma è dura, lascia strascichi e conseguenze: non tutte, probabilmente, potranno essere superate e risolte. Lo stesso Allevi lo chiarisce con lucidità:

“Il mieloma mi ha lasciato fratture ossee in diverse parti del corpo, in particolare le vertebre, alcune delle quali sono inoperabili e forse rimarranno doloranti per sempre. E allora mi chiedo cosa significhi combattere. Combattere significa resistere al dolore fisico e, come dicevano i greci: io posseggo il dolore ma non ne sono posseduto”.

“Le mani tremano per i farmaci”

La chiosa di Allevi è ancora più emotivamente toccante, poichè lascia intendere quanta e quale voglia abbia di tornare a fare quello che tanto bene sa fare e che ha deliziato migliaia e migliaia di orecchie, cuori, animi. Vorrebbe tanto tornare a suonare ma le limitazioni, in questo senso, sono purtroppo oggettive:

“Le mie mani ora tremano per i farmaci, ma una musica nuova invade la mia mente in modo impetuoso ed io non ne perdo una nota. Ora è dolce, ora folle ed incomprensibile, sognante e riflessiva, metafisica. Non vedo l’ora di farvela ascoltare”.

La speranza è quella di potere davvero tornare nell’estasi della sua melodia che ne ha esaltato il grande talento ma anche la fortissima empatia che è in grado di innescare con i fruitori.

Gli esordi musicali di Giovanni Allevi

Lanciato da Saturnino e da Lorenzo Cherubini, Allevi ha finora realizzato undici album in studio, due album live e tre raccolte. Nel corso degli anni è stato ospite dei più importanti studi televisivi e ha ammaliato milioni di telespettatori.

Giovanni Allevi su Raiplay

Raiplay esiste una bellissima trasmissione che si chiama “Allevi in the jungle” con la quale Allevi incontra i busker. Tra musicisti, giocolieri, clown e circensi, Allevi accompagna lo spettatore in alcune delle città più belle d’Italia, per dimostrare che l’arte e il talento si nascondono dietro l’angolo.

Tagged in:

Raiplay