Amadeus e Gianni Morandi da Fabio Fazio: la coppia tanto attesa è pronta a dare il via al Festival di Sanremo edizione 2023 e lo fa raccontando dettagli e retroscena dell’appuntamento canoro alle porte – si comincia martedì 7 febbraio – nel salotto di Che Tempo che Fa.

Preparativi, emozioni, retroscena e un meritato omaggio a Morandi che proprio quest’anno si accinge a celebrare lo storico traguardo dei 65 anni di carriera musicale che fanno il paio con i 60 di discografia.

Sanremo 2023, Morandi celebrato a Che tempo che Fa

Solare come suo solito, è proprio Morandi a illuminare con il proverbiale sorriso la platea di Che Tempo che Fa, svelando il suo lato più umano, quello che lo porta a vivere le emozioni forti cercando di gestirle e celarle: “Cerco di nascondere l’ansia ma in questo Amadeus mi aiuta tantissimo, regalandomi parecchia tranquillità: lui è così, smussa gli angoli e prova a mettere tutti a proprio agio”.

Quel ragazzino che cantava “Fatti mandare dalla mamma” è diventato un giovanottone con un passato professionale incredibile: nel bagaglio di Morandi, 65 anni di onorata carriera cui Fazio ha reso onore attraverso una serie di filmati celebrativi: “Le prime esibizioni – ha raccontato Morandi – le ho fatte a 13 ani, quando cantavo con la maestra Scaglioni di Bologna: dal successo di “Fatti mandare dalla mamma” sono passati sei decenni e per l’occasione sono pronto a rilanciarla con un giovane di talento come Sangiovanni”.

Morandi e Amadeus: i preparativi per Sanremo 2023

L’excursus dei grandi successi di Morandi è un ventaglio aperto da Fazio durante la trasmissione che parte da “Andavo a 100 all’ora” per arrivare fino a “Stai andando forte” e Morandi, con lo scorrere dei frame, prova a nascondere l’emozione: “Risentire quelle canzoni e rivedere tante persone incrociate nel cammino mi emoziona”. Immancabile anche il passaggio sul benessere fisico: tenersi in forma per arrivare pronti agli appuntamenti importanti: “Questo è il messaggio che trasmetto anche ad Amadeus, lo devo trascinare a correre, lui non si allena quanto dovrebbe”.

Alla terza esperienza al Festival da conduttore (sono sette, invece, le partecipazioni alla gara), la carica e l’energia restano altissime: “L’esperienza più bella resta quella della gara: l’anno scorso è stato bellissimo insieme a Jovanotti, avevo detto che sarebbe stato l’ultimo Festival ma resto incredibilmente attratto dal fascino di Sanremo, per questo ho accettato l’invito di Amadeus”.

Morandi, Albano e Massimo Ranieri al Festival

Sul palco dell’Ariston tuttavia, Morandi canterà anche stavolta: un trio d’eccezione composto da lui, Albano e Massimo Ranieri sarà protagonista di un medley di grandi successi: “Abbiamo provato, ognuno canta i suoi successi più grandi e l’emozione è stata davvero molta: sarà un momento bello del prossimo Festival”.

Tagged in:

Rai 3