Giuseppe Conte torna a parlare dell’assalto di matrice fascista alla CIGL e dell’imminente ballottaggio a Roma per eleggere il prossimo sindaco. Ieri l’ex presidente del Consiglio, attuale capo politico del Movimento 5 stelle, è stato ospite del talk diMartedì su La7 (qui l’intera puntata in streaming), dove senza mezzi termini si è schierato a favore dello scioglimento del formazione politica Forza Nuova, esprimendo inoltre la sua netta preferenza di voto nella sfida tra Gualtieri e Michetti da cui verrà fuori il successore di Virginia Raggi.

Giuseppe Conte - Ospite ieri a diMartedì (12 ottobre)

Giuseppe Conte – Ospite ieri a diMartedì (12 ottobre)

diMartedì, Conte salva la Meloni e condanna i fascisti

Per Conte, le violenze di piazza che sabato scorso hanno caratterizzato la manifestazione No Green Pass a Roma sono imperdonabili. Così come è evidente la matrice “nera” dell’assalto alla CGIL che da giorni sta facendo discutere politica e opinione pubblica riguarda allo scioglimento delle forze politiche si rifanno evidentemente a ideali neo-fascisti. Al tempo stesso, però, l’ex premier sembra in disaccordo con chi vuole piazzare Fratelli d’Italia nel calderone dei movimenti politici incostituzionali:

“Va sciolta Forza Nuova? Assolutamente sì, credo ci siano gli estremi. Quindi, il Governo so che sta lavorando a questo. In Parlamento il M5S è in prima linea per assumere una posizione chiara volta allo scioglimento. Non possiamo sottovalutare questi gruppi di chiara ispirazione fascista e neofascista. Fratelli d’Italia partecipa alla dialettica politica, ha rappresentanza in Parlamento, è all’interno dell’arco costituzionale e democratico. Però io dico a Giorgia Meloni attenzione, non strizziamo l’occhio a questi gruppi. Bisogna condannare ma essere anche conseguenti: vengano alla manifestazione di sabato”.

Alessandro Salluti e Antonio Conte

Alessandro Salluti e Antonio Conte

L’ex premier sceglie Gualtieri sindaco

Stuzzicato da Floris sul tema delle elezioni comunali a Roma, Conte si è poi esposto pubblicamente a favore di Roberto Gualtieri, il candidato sindaco del centro-sinistra che sfiderà Michetti nel ballottaggio in programma domenica 17 e lunedì 18 ottobre:

“Tra Gualtieri e Michetti non ho dubbi. Gualtieri lo conosco e mi è chiaro il suo valore. Michetti non lo conosco e non mi dà affidabilità, così come non me ne danno le forze politiche che lo sostengono. Io da cittadino romano voterò per Gualtieri sindaco ma non sto dicendo ai sostenitori del Movimento 5 Stelle di fare lo stesso, perché gli elettori non sono pacchi postali”.

Tagged in:

La7