Quella di ieri è stata una giornata televisiva molto intensa per Alessandro Di Battista, intervenuto su La7 prima in una lunga ospitata a Tagadà e poi in un’intervista in esterna concessa a diMartedì. L’ex dirigente del Movimento 5 Stelle, che ora si definisce un attivista libero da ogni legame politico, non ha risparmiato commenti impietosi ai suoi ex colleghi grillini ed altri ancor più piccati al PD, definito un partito che “festeggia a champagne e brioche mentre le piazze sono piene di gente che soffre”. Sullo sfondo dei suoi interventi, l’ipotesi sempre più concreta di vederlo presto in campo con la creazione di una nuova forza politica, che potrebbe attingere dal vastissimo bacino dell’astensionismo che ha caratterizzato l’ultima tornata delle elezioni amministrative.

Alessandro Di Battista intervistato da diMartedi

Alessandro Di Battista intervistato da diMartedi

Di Battista, critiche al M5S a Tagadà

A Tagadà, insieme a Tiziana Panella, Di Battista ha commentato l’esito delle elezioni romane: “Chi ho scelto tra Gualtieri e Michetti? Non sono andato a votare. Tra l’altro io conosco bene il PD romano e quindi me ne tengo alla larga…” ha ironizzato l’ex M5S, che poi ha dato una carezza alla sindaca uscente Raggi. “Quando si perde tutti hanno responsabilità, ma le colpe non sono tutte di Virginia Raggi che anzi ha raccolto un risultato migliore rispetto a quello ottenuto dal Movimento in altre città”. Stuzzicato dalla Panella, Di Battista ha poi espresso un suo giudizio – come sempre molto tranchant – sull’alleanza tra 5 stelle e PD, che a suo dire sta avendo un effetto mortale sulla reputazione elettorale dei grillini “Il M5S perde consensi perché si è messo in questo governo che sta impoverendo la classe media. Volevano fare la transizione energetica e invece Cingolani parla di trivelle e nucleare. Poi gli hanno distrutto la Bonafede e hanno approvato la Cartabia, che per me è una legge salva-ladri che nemmeno il peggior Berlusconi avrebbe fatto. Io non sto vedendo un Movimento che incide. Oggi nei Tg ascoltiamo la posizione della Meloni, di Salvini e del Pd su un determinato tema, mentre il Movimento 5 stelle è sparito”.

Di Battista ospite a Tagada su La7

Di Battista ospite a Tagada su La7

La festa PD con champagne e brioche

In serata, quindi, Di Battista è apparso ancora su La7 in un’intervista concessa a Leila Ben Salah, inviata del talk diMartedì. Stavolta in strada, appena sceso dallo scooter e ancora col casco indossato, l’uomo duro e puro della politica italiana ha ulteriormente rafforzato i concessi espressi poche ore prima: “La gente non crede più nella classe politica – ha dichiarato al talk di Floris – Soltanto in Italia ex fascisti, ex comunisti, clericali, anti-clericali, nazionalisti, secessionisti, progressisti e liberali governano insieme. La gente non crede più in una politica che non solo non dà risposte, ma nemmeno si diversifica sulle questioni sostanziali: per questo non va più a votare e li manda affancu**”.

Poi, un commento sulle durissime proteste di piazza contro le politiche sanitarie del governo Draghi: “Quelle persone non sono estremiste – conclude Di Battista – Basta andare in quelle piazze per capire che sono affollate da persone che soffrono. Io ricordo l’errore che fece l’establishment e la partitocrazia quando nacque il M5s, davano dei fascisti anche noi. Non compresero che c’era un malcontento a cui per fortuna il Movimento diede una sbocco istituzionale. Oggi fanno lo stesso errore, come il Pd che ora esulta a champagne e brioche e ignora le piazze”.

Alessandro Di Battista difende Virginia Raggi a Tagadà – VIDEO

Tagged in:

La7