Dopo Romanzo Criminale e Gomorra, la serie tv che promette di essere la next big thing del made in Italy fa il suo debutto stasera in tv su Sky Atlantic: parliamo di Romulus (6 novembre), l’ambizioso progetto di Matteo Rovere che racconta la leggenda della nascita di Roma e che andrà in onda per la prima volta questa sera con le prime due puntate.

Romulus (6 novembre), dove vederlo e a che ora inizia

L’appuntamento con gli episodi 1 e 2 di Romulus è per stasera in tv alle 21.15 su Sky Atlantic, che fa parte del pacchetto in abbonamento Sky TV ed è disponibile sui canali 110 e 111, anche in 4K HDR con Sky Q satellite. In alternativa, la serie Sky Original può essere seguita in diretta streaming e on demand su Now Tv.

Romulus (6 novembre), trama e anticipazioni dei primi due episodi

Episodio 1 (1×01) – Numitor governa la terra dei Trenta Re, colpita da tempo da un’incessante siccità: il responso degli déi e inequivocabile e lo condanna all’esilio. La linea di successione prevede che il potere passi ai due gemelli Yemos ed Enitos, figli di Silvia, che si assenta per accompagnare il padre – ormai ex sovrano – nel suo viaggio oltre i confini del regno. Le circostanze favorevoli – e l’influenza della moglie Gala – spingono però il fratello di Numitor, Amulius, a bramare il trono, a costo di mettere a ferro e fuoco l’intera Alba Longa.

Episodio 2 (1×02) – Yemos subisce un agguato da parte degli uomini del malvagio zio ed è costretto a scappare nei boschi dove incontra Wiros, uno schiavo orfano che sta partecipando ai Lupercalia, un rito di iniziazione della durata di sei mesi durante i quali deve sopravvivere da solo nella natura selvaggia. Ilia, figlia di Amulius e sacerdotessa nel tempio di Vesta, è segretamente innamorata, ricambiata, di Yemos: distrutta per la sorte capitata al suo amato, accusa la dea per quanto capitatogli e viene perciò punita. Amulius intanto si autoproclama re e scopre quanto sia difficile governare…

Cast e trailer della serie Sky Original

Romulus è il primo progetto seriale diretto da Matteo Rovere, già regista nel 2019 dell’apprezzato film Il primo re con Alessandro Borghi (Sulla mia pelle) del quale la serie rappresenta una sorta di prequel. La storia infatti è ambientata nell’VIII secolo a.C. e pone le basi, storicamente più realistiche e accurate, della leggenda raccontata nel lungometraggio: i protagonisti sono i gemelli Yemos (Andrea Arcangeli) ed Enitos (Giovanni Buselli), nipoti del re di Alba Longa Numitor (Yorgo Voyagis) e destinati a prenderne il posto per regnare sui popoli della Lega Latina. A mettere loro i bastoni tra le ruote però c’è Amulius (Sergio Romano), zio dei giovani nonché fratello del re, che assetato di potere farà di tutto per impossessarsi del trono. Nel cast anche Vanessa Scalera nei panni di Silvia e Ivana Lotito in quelli di Gala.

Doppiaggio, sigla e curiosità

Proprio come Il primo re, anche Romulus è stato girato interamente in protolatino, ma prima della visione sarà naturalmente possibile selezionare il doppiaggio tradizionale in italiano o, per i più “temerari”, limitarsi ai sottotitoli. A dimostrazione della crossmedialità del progetto, in contemporanea con il lancio della serie tv sono stati distribuiti anche Romulus: Il sangue della Lupa e Romulus: La regina delle battaglie, i primi due romanzi della trilogia scritta da Luca Azzolini che espande ulteriormente l’universo narrativo messo in scena da Matteo Rovere. La sigla di apertura che accompagna ogni puntata, infine, è una cover di Shout dei Tears for Fears, realizzata dalla cantante Elisa.

Tagged in:

Sky Atlantic