Si è fatta attendere un paio di giorni ma poi Wanda Nara ha finalmente deciso di rompere il silenzio sulle sue condizioni di salute. Come suo solito ha attaccato invece di giocare in difesa. E sparato a zero contro i media, quelli argentini di casa sua, che avevano sbandierato ai quattro venti la sua presunta leucemia dandola per certa facendo rimbalzare la notizia in tutto il mondo.

Wanda Nara

Wanda Nara

Wanda Nara si sfoga: “Leucemia? I media hanno fatto la diagnosi”

Appena tre giorni fa era stata diffuso la notizia secondo cui Wanda Nara fosse malata di leucemia e per questo ricoverata d’urgenza proprio in Argentina. La notizia rilanciata dai media argentini è rimbalzata in poche ore in Italia e nel resto del mondo.

La show girl argentina ma anche imprenditrice, in Italia nota per la relazione prima con Maxi Lopez e poi con Mauro Icardi oltre che per alcune partecipazioni in tv, opinionista al Grande Fratello Vip, qualche anno fa, si è così sfogata riapparendo sui social dopo un paio di giorni di silenzio:

Buongiorno a tutti, – ha esordito Wanda – eccomi qui dopo alcuni giorni in cui ho dovuto prendermi cura di me. Voglio raccontarvi un po’ cosa è successo; Mercoledì ho deciso di fare analisi di routine, come faccio sempre ogni volta che viaggio o una volta all’anno. Alcuni valori non erano al meglio e ho deciso di farmi ricoverare per sottopormi ad altri controlli, che sono andati bene. Giovedì, ho scelto di lasciare la prima clinica sottopormi a ulteriori accertamenti presso un centro specializzato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Wanda nara (@wanda_nara)

L’ho fatto cercando di ottenere maggiori informazioni rispetto ai risultati dei primi studi. Come ogni mamma, ho cercato di nascondere ai miei figli le mie paure e le mie angosce. Soprattutto perché non avevo ancora una diagnosi accurata. Purtroppo, venerdì hanno ricevuto da un giornalista la conferma di una diagnosi di cui nemmeno io disponevo. La medicina non è esatta e in quel momento non erano passate nemmeno 24 ore dal mio primo esame. I miei figli hanno sempre saputo tutto da me, ho sempre parlato e questa non sarebbe stata l’eccezione. Ma avevo scelto di farlo con più risultati e studi in mano; e soprattutto con i miei tempi.

Ringrazio la mia famiglia, ogni amico e ognuno di voi per avermi dimostrato l’amore che provate per me. Sono già a casa, in attesa di altri esami e seguendo le indicazioni dei professionisti che mi seguono. Terrò i risultati delle analisi nella mia privacy, soprattutto per proteggere i miei figli.