Slittato al prossimo autunno, Ciao Darwin si prepara a tornare con grandi novità. L’iconico programma condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti, previsto per questa primavera, è stato spostato dai palinsesti Mediaset e sta per fare il suo ritorno su Canale 5 con l’edizione 2023. Nessuna data certa ancora, ma stando alle prime indiscrezioni, le registrazioni dello show potrebbero partire ad aprile ed essere mandate in onda nella programmazione autunnale del canale. Intanto la macchina è stata messa in moto e sono anche iniziate le audizioni, affidate come sempre alla società di Sonia Bruganelli, la SDL2005. Ma quali novità ci attendono? Scopriamolo insieme.

Ciao Darwin 2023: nuove categorie

Se i casting per le ballerine e i ballerini, come anche per Madre natura, sono già in corso, in questi giorni apriranno anche quelli per partecipare allo show e Il Giornale di Sicilia ha svelato alcuni profili che la produzione sta cercando, e dai quali si possono ben capire le nuove categorie che si sfideranno nello show: “La produzione sta cercando cantanti e musicisti melodici; mamme over 40; modelli e modelle; persone di fede; tradizionalisti; taglie forti uomo/donna; pigri; gamers; gente che pratica occultismo, olismo, esoterismo; ghiottoni e lavoratori della ristorazione locale e popolare; traditi in amore; persone stravaganti e anticonformiste”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sonia Bruganelli (@soniabrugi)

Un pubblico arcobaleno per Ciao Darwin 2023

Tra le novità di Ciao Darwin 2023 anche un pubblico rinnovato che sarà diviso in tre parti: gli uomini etero, le donne etero e un settore “Arcobaleno”. Questa discutibile news è stata rivelata nel corso su Casa Pipol dalla voce di Marco Salvati, autore e capo progetto di Ciao Darwin 2023:

Sono capo progetto quindi mi prendo qualche responsabilità. Sotto mia pressione, e recepita molto volentieri da Paolo (Bonolis, ndr), noi solitamente in studio avevamo uno spicchio di pubblico uomini e uno spicchio di pubblico donne. Da quest’anno introduciamo un settore di pubblico Arcobaleno. Perché ci siamo resi conto non solo dei tempi che cambiano, giustamente, ma anche delle difficoltà del pubblico e di alcune persone che nel loro settore non se la sentivano… alcuni uomini di applaudire altri uomini che entravano perché erano in una specie di stadio di soli uomini. Lo stesso per le donne. Invece in questo stadio Arcobaleno chiunque può applaudire chiunque, fare il tifo e applaudire per chi vuole.

Tagged in:

Canale 5