Torna l’elogio dell’anticonformismo de L’attimo fuggente (6 gennaio 2024) stasera in tv su Italia 1 dalle 21:15 circa e in diretta streaming su Mediaset Infinity. Il pluripremiato film ha raccolto critiche differenti che, comunque hanno elogiato l’interpretazione Robin Williams insieme alla sapiente regia di  Peter Weir.

La coraggiosa pellicola, che inneggia al potere creativo della libertà, pecca un po’ di retorica, ma indubbiamente trasmette un messaggio chiaro che celebra il principio del carpe diem, tanto caro al poeta Orazio, e guida il telespettatore sino ad un finale davvero coinvolgente.

L’attimo fuggente (6 gennaio 2024): la trama

Alla fine degli anni Cinquanta, il giovane professor John Keating arriva al collegio maschile Welton del quale era stato già alunno. Il suo modo di insegnare ed i contenuti delle sue lezioni brillano per anticonformismo e finiscono per rivoluzionare il rigore tipico di quell’istituto scolastico. Il desiderio del professor Keating è quello di vedere i suoi studenti capaci di cogliere ogni attimo dell’esistenza e viverlo senza rammarico. Le sue lezioni diventano, così, un crescendo di stimoli alla creatività nutriti dalla poesia, e conquistano gli studenti. Primo fra tutti Neil Perry da sempre soffocato dalla severità di suo padre.

Il diciassettenne scopre la sua vocazione per il teatro e diventa il primo ad abbracciare la filosofia del professor Keating, via via messa in pratica anche dagli altri studenti, sempre più affascinati da quella didattica stravagante. Alla fine sei alunni decidono di far rivivere la Setta dei poeti estinti della quale anche il loro insegnante aveva fatto parte. Ma i metodi del rivoluzionario docente non sono graditi a tutti ed, alla fine, viene allontanato dalla scuola. Il giorno in cui Keatig va a prendere le sue cose dall’aula,  però, una sorpresa lo attende e gli dimostra quanta breccia abbiano fatto i suoi insegnamenti nell’animo dei suoi alunni.

Cast del film L’Attimo Fuggente

L’attimo fuggente arriva al cinema nel 1989, con il titolo originale Dead Poets Society e la regia di Peter Weir. Il film riceve il premio Oscar per la migliore sceneggiatura, ma anche Il David di Donatello, il Nastro d’argento, il Bafta, ed il César e numerose nomination anche ai Golden Globes. Inoltre la frase «carpe diem. Cogliete l’attimo, ragazzi… rendete straordinaria la vostra vita» è stata inserita dall’American Film Institute tra le migliori cento migliori battute del cinema.

Protagonisti della pellicola sono Robin Williams (Risvegli, Mrs Doubtfire,The Butler, Al di là dei sogni)nel ruolo del professor John Keating e Robert Sean Leonard in quello di Neil Perry. Ethan Hawke (Anarchia – La notte del giudizio) è Todd Anderson, Josh Charles (X-Men – Apocalisse) è Knox Overstreet, Gale Hansen è Charlie Dalton e Dylan Kussman è Richard Camero. Mentre nei panni del professor Nolan, preside dell’istituto, c’è Norman Lloyd.

L’attimo fuggente: curiosità

  • Il titolo della versione italiana, L’attimo fuggente, differisce da quelli degli altri paesi, che mantengono la dicitura originale Dead Poets Society («Setta dei poeti estinti» secondo la versione doppiata in italiano). Tra le lezioni del protagonista, una di queste si ispira alla celebre locuzione del poeta latino Orazio che invita a «cogliere l’attimo» (in latino Carpe diem, nella versione originale Seize the day, scritto sul quaderno di Todd). Peraltro i versi letti da Pitts, “Cogli la rosa quando è il momento / ché il tempo lo sai vola / e lo stesso fiore che sboccia oggi / domani appassirà”, diversamente da quanto creduto da molti, non sono di Orazio bensì del ben noto poeta inglese Robert Herrick (da To the Virgins, to Make Much of Time).
  • In un primo momento, la Disney aveva affidato la regia a Jeff Kanew, che aveva scelto per il ruolo di Keating Liam Neeson; Neeson effettuò anche un provino per la parte, recitando la scena del discorso del “carpe diem” agli studenti. Successivamente, la scelta della regia cadde su Weir, che scelse, come attore principale della pellicola, Robin Williams. Prima che fosse assunto Weir, Dustin Hoffman aveva espresso l’intenzione di esordire alla regia ed essere allo stesso tempo l’attore principale del film. Anche Tom Hanks fu preso in considerazione per il ruolo del professore, ma rifiutò la parte.
  • Josh Charles ed Ethan Hawke fecero il provino quando ancora si pensava che il regista sarebbe stato Jeff Kanew. In seguito, la lavorazione del film subì una pausa di un anno, durante la quale entrambi gli attori rimasero in attesa di sapere se la loro presenza sarebbe stata confermata. River Phoenix, che aveva già recitato in Mosquito Coast dello stesso Weir, si interessò alla parte di Neil Perry e compose anche una canzone sulla Setta dei poeti estinti, ma fu scartato perché il regista cercava attori sconosciuti.
  • L’intera sequenza di riprese si svolse dal 14 novembre 1988 al 15 gennaio 1989: le riprese sono state fatte nella St. Andrew’s School di Middletown, Delaware. Infatti si può notare come i simboli di Welton siano per l’appunto la croce di Sant’Andrea bianca su sfondo rosso osservabile nelle scene girate nella cappella e sui drappi dei “quattro pilastri”. Il regista Peter Weir decise di girare la pellicola in ordine cronologico, per rendere al meglio il crescente legame tra gli studenti e il professore.

Tagged in:

Italia 1, La7