I sindacati, l’app di tracciamento siciliana, l’inquinamento delle navi e una nuova invenzione che potrebbe abbattere le possibilità di contagio in spazi chiusi. Sono i quattro servizi principali della puntata odierna di Report (14 dicembre), la trasmissione d’inchieste e approfondimento giornalistico in onda ogni lunedì su Rai 3. Scopriamo insieme tutte le anticipazioni sui servizi e le coordinate televisive del nono appuntamento stagionale con Sigfrido Ranucci e i suoi servizi scottanti.

Report (14 dicembre): canale, orario, diretta streaming, quando va in onda la replica

La nuova puntata di Report sarà in onda oggi – lunedì 14 dicembre – a partire dalle ore 21.15 su Rai 3 e in contemporanea diretta streaming sul sito web Raiplay, dove sono già disponibili on-demand i precedenti appuntamenti con la trasmissione di Sigfrido Ranucci. La puntata integrale sarà ritrasmessa in replica sabato 19 dicembre 2020 alle ore 17.25 su Rai 3.

Anticipazioni Report (14 dicembre): i servizi stasera in tv su Rai 3

Quattro storie, quattro inchieste giornalistiche scottanti e senza fronzoli in pieno stile Report. Ecco le anticipazioni dei principali servizi che vedremo stasera in tv su Rai 3:

“Cisl, gli insindacabili”

Con l’economia in ginocchio a causa della pandemia, il ruolo dei sindacati è fondamentale per difendere i lavoratori e garantire la giustizia sociale. Ma come funziona la CISL, uno dei principali sindacati italiani? Il servizio di Claudia Di Pasquale proverà a capirlo senza però l’aiuto dei diretti interessati. I vertici della CISL hanno infatti evitato il confronto con Report decidendo di non rispondere a domande finalizzate a comprendere ruolo, scopi e regole di trasparenza interna dell’organizzazione. Perché la CISL evita il confronto ed ha addirittura consegnato a Sigfrido Ranucci una querela preventiva per un tweet sui stipendi dei vertici? Lo scopriremo nel servizio di stasera che si riallaccerà allo scandalo del 2015 relativo ai maxistipendi dei vertici Cisl: cinque anni dopo, Report tornerà su quella vicenda fornendo nuove testimonianze e documenti inediti.

“Acque amare”

Il servizio di Giulia Presutti indagherà sull’inquinamento delle navi che proprio come case e alberghi producono acque nere e grigie, ossia i liquidi che provengono dagli scarichi dei WC, dalle docce, dai lavandini e che andrebbero depurati e smaltiti con la massima attenzione. Per farlo, in tutti i porti esistono impianti di raccolta a cui le navi possono accedere versando una tassa per lo smaltimento. Esistono però degli escamotage sempre più in voga: le imbarcazioni possono sversare in mare quando sono a più di 12 miglia dalla costa e, se a bordo sono dotate di un impianto di trattamento dei rifiuti, possono farlo anche entro le 12 miglia. La prospettiva di risparmiare la tassa di smaltimento, però, spinge molte imbarcazioni a non seguire le regole. A chi spetta il compito di vigilare sulle navi e le loro acque di scarico per proteggere il mare e i bagnanti?

“Biostopper”

Michele Buono racconterà una storia in cui il programma Report per una volta è protagonista diretto. E’ stata proprio la trasmissione di Ranucci infatti a mettere in contatto il Politecnico di Torino con l’ingegner Mario Palazzetti, l’inventore del sistema frenante Abs che qualche mese fa ha avuto un’altra geniale intuizione: un dispositivo che crea correnti d’aria locali creando una barriere invisibile per le goccioline di droplet emesse durante una conversazione tra più persone. Oggi scopriremo a che punto la realizzazione concreta dell’invenzione che potrebbe abbattere i rischi di contrarre il Covid-19.

“Sicilia Si… Cura”

La scorsa estate anche la Sicilia si è messa in proprio creando “Sicilia Si… Cura”, un’app di tracciamento regionale anti Covid-19 organizzata da Guido Bertolaso su incarico del Presidente Musumeci. Ma chi ha realizzato concretamente l’applicazione e dove vengono raccolti i dati dei turisti e degli utenti? Inoltre, sull’isola da maggio è anche attivo Telecovid19, un protocollo che consente di seguire a distanza i contagiati. Un progetto realizzato dall’Irccs di Messina, costato 800mila euro e approvato dall’assessorato alla Salute in tempi sprint (meno di 24 ore) e tramite affidamento diretto, senza alcun tipo di bando. Alessia Marzi indagherà sulla vicenda e su alcuni suoi contorni che sembrano ancora poco chiari.

Share tv – Report 7 dicembre al 9.7%

La scorsa puntata di Report è stata seguita da 2.557.000 spettatori pari ad uno share del 9.7%. Quello condotto da Sigfrido Ranucci è stato il terzo programma più visto del prime time di lunedì 7 dicembre dietro la fiction di Rai 1 Vite in Fuga (4.854.000 spettatori pari al 19% di share) e il reality di Canale 5 Grande Fratello Vip (3.649.000 spettatori pari al 19.8% di share).

Tagged in:

Rai 3